Rimozione del polipo endometriale: metodi, controindicazioni

I polipi endometriali sono chiamati escrescenze benigne formate nella mucosa uterina. La rimozione meccanica è l'unico modo efficace per sbarazzarsi di loro. Aumentando di dimensioni, i polipi deteriorano la qualità dell'endometrio, che nelle donne giovani porta a una diminuzione delle probabilità di rimanere incinta e alla comparsa di altre complicanze. Può verificarsi una degenerazione maligna delle neoplasie. Pertanto, è importante rilevare e sbarazzarsi tempestivamente di una tale minaccia. Esistono diverse opzioni per le operazioni che sono selezionate in base all'età del paziente.

Quali fattori vengono presi in considerazione quando si sceglie un metodo di trattamento

Un polipo è una neoplasia arrotondata o leggermente allungata con uno stelo sottile o ispessito. Cresce dalle cellule dello strato basale (interno) dell'endometrio, è formato dai tessuti connettivo (fibroso), muscolare e ghiandolare. Talvolta uno di loro prevale nella struttura, ad esempio si forma un polipo fibroso o ghiandolare. È anche possibile l'emergere di tumori con una struttura mista.

Il trattamento farmacologico non dà risultati, dal momento che i polipi non si dissolvono dopo l'assunzione di farmaci ormonali. La natura dell'intervento chirurgico dipende dal tipo di tumori, dal loro numero e localizzazione. La rimozione del polipo endometriale nelle giovani donne viene effettuata, cercando di preservare la funzionalità dell'utero e la capacità della donna di generare figli. Nel trattamento dei pazienti in menopausa, le operazioni vengono eseguite utilizzando metodi più radicali, poiché durante questo periodo aumenta la probabilità di degenerazione maligna.

Tipi di operazioni per rimuovere i polipi, i loro vantaggi e svantaggi

I principali metodi di operazioni per la rimozione dei polipi sono:

  • curettage di polipi (curettage);
  • hysteroresectoscopy;
  • resezione di un polipo con ablazione endometriale;
  • polipo tagliato al laser.

Il metodo di operazione è scelto dal dottore.

raschiatura

In questa operazione, la rimozione dei tumori viene eseguita utilizzando un cucchiaio speciale, affilato su un lato (curette). Questo metodo è il più primitivo, la sua efficacia rispetto a quella più moderna non è abbastanza grande. L'operazione viene eseguita alla cieca. Dopo l'isteroscopia diagnostica, il medico deve ricordare dove si trova il polipo. In questo caso, non è sempre possibile rimuovere completamente la gamba che è germogliata in profondità nell'endometrio. Pertanto, i polipi spesso ricrescono. Lo svantaggio del metodo è il trauma aumentato. Esiste la possibilità di un taglio del muro dell'utero e sanguinamento.

hysteroresectoscopy

Il vantaggio è la capacità di rilevare e rimuovere con precisione un polipo endometriale utilizzando un dispositivo isteroscopio inserito nell'utero attraverso la vagina. L'immagine viene ingrandita più volte e visualizzata sullo schermo. Il tubo ottico dell'isteroscopio si trova all'interno della cassa metallica, dove c'è un canale speciale attraverso il quale gli strumenti flessibili vengono inseriti nell'utero. Utilizzando tale dispositivo, è possibile effettuare la rimozione diagnostica di una parte dell'endometrio (biopsia).

Le singole formazioni vengono rimosse immediatamente dopo l'esame, il materiale viene inviato per l'esame istologico per studiare la struttura cellulare e la rilevazione di elementi atipici. Il vantaggio di questa tecnica è la possibilità di avvistare l'uso di strumenti. In questo caso, le pareti dell'utero non sono danneggiate e la gamba, trafitta con vasi, viene completamente rimossa. La probabilità di recidiva dopo tale rimozione è significativamente inferiore rispetto al normale curettage.

Esistono diversi tipi di dispositivi, che differiscono nel numero di strumenti che possono essere inseriti nell'utero. Hanno un dispositivo per lavare la sua cavità, un elettrodo ad anello usato come un coltello, pinze per tagliare un polipo.

In questo modo, viene eseguita la rimozione di piccoli polipi endometriali. La condizione dell'utero dopo l'intervento chirurgico è monitorata dagli ultrasuoni. Se viene rilevata un'iperplasia endometriale estesa, viene completamente rimossa. Il materiale sequestrato viene inviato per istologia.

Video: rimozione della poliposi mediante isteroresectoscopia

Rimozione di un polipo seguito da elettrodistruzione (ablazione) dell'endometrio

Tale operazione viene eseguita principalmente nel trattamento di pazienti anziani che hanno proliferazione di polipi, portando a sanguinamento uterino. La linea di fondo è che dopo la rimozione di grandi polipi dell'endometrio, i tessuti sono completamente distrutti utilizzando una corrente elettrica (viene eseguita l'ablazione). Dopo tale operazione, il rivestimento dell'utero non viene più ripristinato.

Spesso viene eseguita la distruzione elettrica invece della completa rimozione dell'utero e delle appendici. Permette di evitare la rimozione radicale di organi nei casi in cui si verifica una condizione precancerosa (cioè, durante l'analisi istologica si trovano cellule atipiche).

Rimozione laser

In questo metodo, la neoplasia viene tagliata in strati separati usando un raggio laser, e quindi la ferita viene cauterizzata in modo che non ci sia emorragia. Con l'aiuto di apparecchiature video, l'immagine viene visualizzata sullo schermo, quindi il medico durante le manipolazioni può commettere un errore e non può ferire l'utero.

L'intera procedura richiede non più di mezz'ora. La ferita guarisce rapidamente, non rimangono cicatrici sulla superficie interna dell'utero.

Preparazione per la chirurgia

Prima dell'operazione per rimuovere un polipo endometriale, il paziente viene esaminato. Consiste nell'effettuare le seguenti procedure:

  • esame della cervice mediante specchi ginecologici, che valuta la condizione della mucosa (danno, infiammazione) e la possibilità di introdurre strumenti;
  • prendendo uno striscio dalla vagina e dalla cervice per l'analisi della flora batterica e l'assenza di malattie infettive;
  • striscio di citologia per cellule atipiche;
  • ecografia transvaginale, quando un sensore viene inserito nell'utero attraverso la vagina per esaminarne la superficie;
  • esami del sangue per zucchero, virus e infezioni;
  • analisi generale e biochimica delle urine.

Lo stato di salute generale è studiato: il paziente viene esaminato da un terapeuta, un cardiologo.

Una settimana prima dell'operazione, una donna dovrebbe smettere di avere rapporti sessuali senza preservativo. Non puoi trattenere i denti, usare unguenti vaginali, candele, pillole.

Alla vigilia della rimozione del polipo endometriale, è necessario passare ad una dieta leggera, eliminando dagli alimenti dietetici che causano gonfiore (cavolo, pane nero, fagioli e altri). Prima dell'operazione è un clistere purificante.

Quando si trattano le giovani donne, l'operazione viene solitamente eseguita 2-3 giorni dopo la fine delle mestruazioni, poiché lo spessore dell'endometrio durante questo periodo è minimo, le neoplasie sono più facili da esaminare. La probabilità di sanguinamento è molto inferiore.

Controindicazioni per la rimozione di polipi

L'intervento chirurgico non viene effettuato se una donna ha malattie infiammatorie o infettive di qualsiasi natura negli organi genitali interni o esterni. L'operazione è ritardata fino alla completa guarigione.

Controindicazioni a tale intervento è la presenza di sanguinamento uterino, che è difficile da fermare con l'aiuto di droghe. Spesso, in questi casi, solo la chirurgia addominale aiuta.

L'introduzione di strumenti nell'utero è impossibile se ci sono suture sulla cervice, lacrime dopo il parto, e c'è anche un restringimento significativo del canale cervicale. L'operazione non viene eseguita quando il paziente è affetto da diabete mellito, ipertensione, asma, malattie infettive degli organi respiratori, ulcere gastriche acute, sangue e malattie vascolari.

La rimozione del polipo endometriale non viene eseguita durante la gravidanza. L'operazione è posticipata per il periodo postpartum.

L'operazione per rimuovere polipi

La durata dipende dalla tecnica scelta.

Le nuove crescite situate all'ingresso delle tube di Falloppio vengono solitamente rimosse meccanicamente usando pinze o forbici speciali. Il muro dell'utero qui è il più piccolo spessore, quando si usano altre tecniche è facile da danneggiare. La rimozione di grandi neoplasie su un gambo sottile viene eseguita torcendo la testa del polipo. La gamba rimanente viene poi ulteriormente raschiata dalla parete uterina.

La resezione elettrica usando un elettrodo a forma di anello è più spesso usata quando si rimuovono polipi fibrosi che hanno una struttura densa (di solito si trovano sulle pareti dell'utero). Le operazioni sono eseguite in anestesia generale. Se il paziente ha controindicazioni all'uso di farmaci appropriati, viene eseguita l'anestesia spinale.

Recupero dopo l'intervento chirurgico

Il completo ripristino del funzionamento del sistema riproduttivo avviene circa sei mesi dopo la rimozione dei polipi endometriali. In questo momento, una donna deve sottoporsi a un esame pelvico una volta al mese, eseguire un'ecografia e assumere preparazioni ormonali. Sono prescritti per eliminare la causa dell'iperplasia endometriale e ripristinare l'equilibrio ormonale.

Le giovani donne sono trattate con COC. I pazienti più anziani sono prescritti farmaci progestinici per eliminare iperestrogenia. Inoltre, sono prescritti farmaci anti-infiammatori e lavaggi con soluzioni antisettiche.

Avvertenza: la medicina tradizionale (antidolorifici, decotti antinfiammatori e infusi) viene utilizzata solo dopo aver consultato il medico.

Si raccomanda al paziente di astenersi dai rapporti sessuali per 1 mese dopo l'intervento. Non dovrebbe andare in sauna, fare il bagno nella vasca da bagno (solo sotto una doccia calda), usare una bottiglia di acqua calda se ci sono sensazioni dolorose nell'addome, praticare anche sport e sollevare più di 3 kg.

Possibili complicazioni e conseguenze

Le complicazioni quando effettuano la rimozione di un polipo endometrial, particolarmente da metodi low-traumatici moderni, sono rare. Questi includono:

  1. Perforazione dell'utero (attraverso il taglio del suo muro). Questo può accadere durante il curettage o l'isteroscopia.
  2. Inclusione di infezione nell'utero e occorrenza del processo infiammatorio strumenti preparati in modo improprio.
  3. La formazione di aderenze all'interno dell'utero, cicatrici sul sito di rimozione di tumori.
  4. L'accumulo di sangue nell'utero (ematometro). Può verificarsi a causa di sanguinamento interno, un taglio che è passato inosservato. È possibile la suppurazione del sangue coagulato.

L'insorgenza di complicazioni è indicata dalla comparsa di scariche insolite, dolore all'addome, sanguinamento dal tratto genitale, svenimento, tachicardia e febbre, abbassamento della pressione sanguigna.

Le conseguenze della mancata rimozione dei polipi endometriali possono essere la comparsa di un tumore maligno nel sito di crescita contenente cellule atipiche, la riformazione dei polipi.

Ogni mese, dopo tale intervento, vengono eseguite piccole deviazioni rispetto al solito periodo, forse aumentando la loro intensità. La gravidanza può verificarsi già nel ciclo mestruale successivo, ma non è consigliabile pianificare un concepimento prima di 3 mesi dopo l'intervento, poiché è necessario del tempo per ripristinare lo stato dell'utero e dell'endometrio.

Se il progesterone viene utilizzato per ripristinare lo sfondo ormonale, alla fine del ciclo di trattamento e interruzione delle pillole aumenta la probabilità di una gravidanza.

Rimozione del polipo endometriale: come eseguire l'operazione, preparazione per esso e le conseguenze

Il polipo endometriale è una delle varietà di iperplasia endometriale, cioè la crescita del suo strato interno. Le cellule dell'educazione possono gradualmente accumulare cambiamenti, che sono considerati precancerosi e poi trasformati in cancro dell'endometrio. Quindi il polipo del corpo dell'utero stesso non è ancora una malattia precancerosa, ma i polipi adenomatosi sono un precancro.

Il metodo più accurato per diagnosticare una malattia è l'isteroscopia, durante la quale viene eseguita una biopsia del polipo, e successivamente il suo esame istologico, cioè determina quali cellule e tessuti è costituito da esso. Qualsiasi polipo endometriale rilevato durante l'isteroscopia deve essere rimosso.

Come rimuovere polipo uterino

Molti studi hanno dimostrato che il curettage diagnostico non consente di eliminare queste strutture in tutti i casi. I polipi composti da tessuti densi - muscolari, fibrosi (soprattutto per un polipo fibroso ghiandolare, si può imparare di più dal nostro precedente articolo) sono particolarmente gravemente rimossi - la frequenza della loro scomparsa dopo il curettage è solo del 12%. Anche il controllo endoscopico simultaneo non consente di evitare il ripetersi della malattia.

La rimozione efficace dei tessuti patologici dovrebbe interessare l'intero endometrio, situato sotto la formazione, fino al suo profondo strato basale. Questo può essere ottenuto solo eseguendo un intervento isteroscopico.

I metodi di rimozione del polipo endometriale comportano l'uso di apparecchiature isteroscopiche convenzionali, nonché l'uso di tecniche elettrochirurgiche o di conduttori laser. La rimozione del polipo endometriale con un laser è una tecnologia moderna che consente di eliminare completamente il tessuto indesiderato, ridurre la probabilità di sanguinamento dal punto di rimozione, ridurre la frequenza delle recidive. Tuttavia, la solita isteroresectoscopia, con una preparazione e un'esecuzione adeguate, ha risultati molto buoni.

Come prepararsi per la chirurgia

Prima di rimuovere i polipi uterini, vengono eseguite le seguenti misure diagnostiche:

  • esame della cervice negli specchi, che aiuta a valutare la sua condizione, la forma del canale cervicale, la presenza di un processo infiammatorio o danno d'organo; questo è importante, perché è attraverso il canale cervicale che saranno inseriti gli strumenti per manipolare l'utero;
  • esame batteriologico di strisci dalla superficie della cervice e pareti vaginali per dimostrare che una donna non ha un'infiammazione batterica degli organi genitali, altrimenti c'è il rischio di infezione nell'utero, che causerà endometrite;
  • striscio di citologia;
  • esame ecografico transvaginale, in cui il sensore è posto nella vagina ed esamina l'utero senza interferenze, che crea la parete addominale;
  • esame clinico generale - esami del sangue (generali e biochimici) e delle urine, microreazione per la sifilide, analisi del sangue per l'HIV, marcatori di epatite virale, elettrocardiogramma, fluorografia polmonare, esame da parte di un terapeuta.

Controindicazioni per eliminazione di un polipo:

  • malattie infiammatorie della vagina, della cervice, dell'utero o appendici causate sia dalla flora banale che da infezioni trasmesse sessualmente (per esempio, la clamidia) - l'operazione viene eseguita dopo essersi liberati di queste malattie;
  • esacerbazione della candidosi genitale (mughetto) o vaginosi batterica (disbiosi vaginale);
  • sanguinamento intenso dal tratto genitale, causato da iperplasia endometriale o altre cause, prima che si fermi;
  • la gravidanza;
  • patologia della cervice, che impedisce il trattenimento di strumenti isteroscopici nell'utero (cancro, stenosi, grave deformità cicatriziale dopo rotture del travaglio e così via);
  • malattie concomitanti gravi nello stadio di scompenso (ad esempio diabete mellito con glicemia alta e emoglobina glicata, ipertensione arteriosa con ipertensione) o esacerbazioni (ad esempio ulcera gastrica, asma bronchiale e altre);
  • infezione respiratoria acuta.

Non è richiesta una preparazione speciale per la rimozione del polipo endometriale. Durante la settimana precedente alla procedura, è auspicabile l'uso del riposo sessuale o del preservativo. E 'meglio non usare spazzolini, compresse vaginali, supposte e creme per qualsiasi scopo.

Il giorno prima dell'operazione a pranzo, puoi prendere cibo digeribile, eliminare pane nero, cavoli, legumi, ma è meglio rifiutare la cena o bere un bicchiere di kefir. Il liquido non è limitato. La mattina del giorno dell'intervento non dovrebbe essere la colazione e bere. La sera e al mattino, un clistere purificante viene eseguito come prescritto dal medico.

Un tempo di operazione adatto è determinato dal medico, di solito è 2-3 giorni dopo la fine delle mestruazioni, cioè 6-9 giorni del ciclo, perché in questo momento l'endometrio non si è ancora ristabilito, ma il suo rigetto mestruale è già stato completato. In questi giorni i polipi sono meglio visibili, sono più facili da rimuovere, meno spesso la chirurgia è accompagnata da complicazioni, come il sanguinamento.

Intervento operativo

La chirurgia per rimuovere un polipo endometriale viene di solito eseguita in un ospedale. La durata del ricovero è breve, non superiore a diversi giorni.

Il paziente si trova sulla sedia ginecologica, inizia l'introduzione della terapia del dolore per via endovenosa. In questo caso, la donna si addormenta e non sente nulla. L'anestesia generale per via endovenosa può essere sostituita con anestesia spinale o anestesia endotracheale. La decisione sul tipo di anestesia è presa dall'anestesista a seconda di molti fattori, tra cui:

  • la probabile durata della manipolazione e il suo volume;
  • malattie concomitanti;
  • intolleranza al farmaco, casi di allergia all'introduzione di antidolorifici;
  • la possibilità di complicazioni durante l'operazione.

In ogni caso, è necessaria un'adeguata analgesia, poiché il dolore e altre reazioni negative possono verificarsi quando il canale cervicale viene dilatato per iniettare un isteroscopio.

Come viene eseguita l'operazione?

Dopo che il paziente è stato sottoposto ad anestesia, il ginecologo elabora gli organi genitali esterni con una soluzione antisettica e introduce i dilatatori del canale cervicale - strumenti speciali che "allungano" il canale fino alla dimensione desiderata per la libera introduzione dell'isteroscopio. L'utero è pieno di liquido o gas per raddrizzare le pareti.

Efficace metodo di rimozione del polipo endometriale - isteroresectoscopia

Singoli polipi, con una gamba ben marcata, vengono rimossi con forbici o pinze inserite attraverso il canale dell'isteroscopio. Questi strumenti sotto controllo visivo (l'isteroscopio è dotato di una videocamera miniaturizzata, che consente di vedere l'area di funzionamento) viene eseguito sullo stelo del polipo e tagliato. Tale procedura può essere eseguita utilizzando un loop resettoscopio. La rimozione laser del polipo viene eseguita allo stesso modo. Dopo la rimozione, il sito di intervento viene attentamente esaminato di nuovo per garantire l'assenza di istruzione.

Se il polipo si trova vicino alla bocca delle tube di Falloppio, ci sono difficoltà tecniche dell'operazione, perché in questo punto la parete dell'utero è molto sottile, solo 3-4 mm, e aumenta il rischio di danni. Pertanto, viene utilizzata la separazione meccanica del polipo e la resezione elettrica viene spesso rifiutata.

Una resettoscopia che utilizza un elettrodo ad anello (polipectomia elettrochirurgica) viene più spesso utilizzata per rimuovere le lesioni di grandi dimensioni localizzate vicino alla parete dell'utero (vicino alla parete) con una struttura fibrosa densa. Il cavo porta a un polipo e lo taglia a terra. Se la rimozione viene eseguita meccanicamente, viene prima svitato, e quindi la gamba del polipo viene ulteriormente rimossa con forbici o pinze inserite attraverso un isteroscopio. Allo stesso tempo, il canale cervicale è dilatato con estensori di Gegar.

Quanto dura la rimozione? Il tempo di intervento dipende dalla complessità dell'operazione, dalle dimensioni del polipo, dalla sua posizione, dall'esperienza del ginecologo e da molti altri fattori. In media, la manipolazione richiede circa 30 minuti. Con più formazioni, difficoltà tecniche con l'introduzione di un isteroscopio o la rimozione della formazione stessa, l'intervento dura più a lungo. Anche la durata dell'anestesia aumenta se necessario.

Periodo dopo l'intervento

Normalmente, entro 2-3 giorni dalla rimozione del polipo endometriale, il paziente ha dimissione. Sono scarsi, "macchiati" e passano da soli, non appena il luogo di rimozione "guarisce". Il paziente può provare un leggero disagio nell'addome inferiore e nella zona degli organi genitali esterni, non è pericoloso ed è associato al restauro della cervice.

Se lo stomaco fa male dopo l'intervento, il medico prescrive antidolorifici. È possibile utilizzare strumenti sotto forma di supposte rettali, sono più sicuri e non meno efficaci degli analgesici convenzionali.

Se i dolori aumentano e la scarica sanguinolenta aumenta, così come la loro durata più di 5-6 giorni, è necessario consultare immediatamente un medico. Tali segni indicano complicazioni della procedura.

Effetti negativi dell'isteroscopia e della rimozione del polipo:

  • perforazione (perforazione) della parete uterina;
  • endometritis;
  • sanguinamento dal luogo di rimozione dell'istruzione.

Durante i primi 2-3 giorni una donna può avere la febbre. Molto spesso questa è una conseguenza dell'esacerbazione del processo infiammatorio cronico nelle tube di Falloppio. Inoltre, dopo la rimozione di polipi multipli, si verifica un'infiammazione asettica (priva di germi) nella parete uterina - una risposta naturale del corpo, volta a ripristinare l'integrità della mucosa.

Con la comparsa di complicazioni, spesso viene eseguita un'isteroscopia ripetuta, oltre a curettage dell'utero, antibiotici, farmaci per la disintossicazione e ormoni.

Raccomandazioni dopo la rimozione dell'istruzione per la prevenzione delle complicanze infiammatorie:

  • riposo sessuale durante la settimana, mentre la cervice si sta ristabilendo;
  • evitare l'uso di tamponi vaginali;
  • la pulizia e l'uso di forme di dosaggio vaginale non dovrebbero essere eseguite senza la prescrizione del medico.

Cosa non si può fare durante la prima settimana dopo l'intervento chirurgico:

  • andare in sauna, bagno;
  • fare un bagno caldo;
  • raggiungere la piscina o il solarium;
  • fare sport, fare un duro lavoro fisico.

I principali problemi che sorgono a lungo termine dopo la rimozione del polipo

Quando inizieranno le mestruazioni?

Nonostante la rimozione della formazione, lo sfondo ormonale della donna non è disturbato, quindi, le mestruazioni dopo la rimozione del polipo endometriale si verificano in tempo, solo una leggera deviazione nei tempi della comparsa delle mestruazioni è possibile. Mensile abbondante - una variante del corso normale del periodo di recupero. Tuttavia, se passano a sanguinamento uterino, un bisogno urgente di consultare un medico.

Quando puoi rimanere incinta?

La gravidanza dopo la rimozione del polipo endometriale può verificarsi già nel ciclo attuale, se la terapia ormonale non inizia. Tuttavia, questo non è uno sviluppo del tutto favorevole degli eventi, perché una donna ha bisogno di riabilitazione per il pieno recupero.

Il periodo ottimale per il quale lo strato interno dell'utero è completamente restaurato è di 3 mesi. È per questo periodo che vengono prescritti contraccettivi orali combinati. La loro cancellazione provoca il cosiddetto effetto di ri-gioco, a causa del quale aumenta la probabilità di gravidanza. Se i polipi endometriali erano la causa dell'infertilità, è in questo momento che arriva il momento più favorevole per il concepimento.

Quale trattamento è prescritto dopo la rimozione del polipo endometriale?

La questione dell'opportunità di prescrivere farmaci ormonali rimane controversa. Alcuni medici ritengono che quando viene rimosso un piccolo polipo, la terapia farmacologica può essere evitata. Altri sostengono che la terapia ormonale è appropriata perché influenza il ripristino della normale funzione endometriale. Gli ormoni sono prescritti per polipi ghiandolari funzionali, formazioni adenomatose, nonché per la combinazione di polipi con iperplasia endometriale.

Di solito vengono prescritti contraccettivi orali combinati o progestinici (Duphaston). La scelta del farmaco, il suo dosaggio e la durata del ricovero sono determinati dal medico. Di solito è di 3 mesi. Spesso alle donne viene offerto di installare un dispositivo intrauterino contenente Levonorgestrel - Mirena. Queste attività, oltre a ripristinare la funzione dell'endometrio, sono finalizzate alla pianificazione della gravidanza.

Supervisione clinica del paziente sottoposto alla rimozione del polipo, effettuato durante l'anno.

Come viene eseguita l'operazione per rimuovere un polipo nell'utero?

La maggior parte degli esperti ritiene che qualsiasi neoplasma nell'utero debba essere rimosso. Lo stesso vale per i polipi, che sono formazioni rotonde o fungiformi sulla membrana mucosa dell'organo.Naturalmente, molti pazienti hanno paura di ricorrere a misure radicali di trattamento, soprattutto se i polipi non causano disagio. Per prendere una decisione obiettiva, considerare quali rischi esistono in caso di fallimento dell'intervento chirurgico e se è davvero necessario con polipi di piccole dimensioni.

Quando è necessario un intervento chirurgico?

La principale causa della comparsa di polipi è uno squilibrio ormonale, quando c'è una carenza di progesterone e una sovrabbondanza di estrogeni nel corpo di una donna.

La dimensione dei polipi endometriali nell'utero può raggiungere 15 mm o più. Se l'istruzione diagnosticata non supera i 5-6 mm e non causa disagio, viene semplicemente osservata. In alcuni casi, le crescite polifere scompaiono da sole.

Se il polipo sul fondo dell'utero raggiunge 5-7 mm, ha bisogno di cure. Alcuni farmaci ormonali riducono la crescita dei tumori e alleviano i loro sintomi.

In assenza di un quadro clinico, è possibile un'osservazione attenta. Nel caso di dinamiche di ingrandimento, viene eseguita l'escissione chirurgica.

Le dimensioni dei polipi superiori a 13 mm sono considerate grandi.

Di solito causano sintomi caratteristici:

  • dolore all'inguine;
  • disagio durante il rapporto sessuale;
  • spotting.

Questo quadro clinico suggerisce un'impressionante dimensione del tumore, a causa della quale potrebbe soccombere alla normale stimolazione meccanica. In questo caso, l'operazione è richiesta senza esito negativo.

Le crescite polifere possono scomparire da sole.

In ogni caso, la decisione sulla rimozione è presa dal medico curante, che supervisiona le dinamiche del progresso.

In generale, la polipectomia è indicata in questi casi:

  • problemi con il concepimento o la gravidanza;
  • ostruzione delle tube di Falloppio o del lume cervicale;
  • grandi dimensioni di polipi che causano disagio, tra cui un forte sanguinamento;
  • la possibilità di degenerazione del polipo in una formazione maligna.

Quale giorno del ciclo eliminare?

La rimozione di un polipo viene eseguita in modo ottimale nei giorni 6-9 del ciclo mestruale. Durante questo periodo, la formazione è più visibile, poiché il rigetto mestruale è già terminato e l'endometrio non si è ancora completamente ristabilito.

Come prepararsi per l'operazione?

Qualche formazione seria non richiede la rimozione del polipo, ma alcune limitazioni sono fornite. Una settimana prima della procedura si raccomanda di astenersi dall'intimità intima.

Anche indesiderabile:

  • irrigazioni
  • candele
  • compresse vaginali,
  • tamponi medici.

Alla vigilia dell'operazione, si consiglia di assumere alimenti facilmente digeribili. È necessario rifiutare pane nero, cavolo, legumi. In serata, invece di cena, è meglio bere un bicchiere di kefir.

Il giorno dell'operazione, sono esclusi la colazione e qualsiasi tipo di liquido.

Quali test devono passare?

Prima dell'intervento, ciascun paziente è sottoposto alle seguenti procedure diagnostiche:

  1. Esame sulla sedia ginecologica con uno specchio; il medico valuta la cervice per l'infiammazione e altri danni, esamina il canale cervicale, attraverso il quale gli strumenti saranno trovati durante la rimozione;
  2. Esame striscio citologico, per escludere processi maligni;
  3. Esame batteriologico di uno striscio, per escludere un'infezione batterica, perché c'è il rischio di introdurlo nell'utero, a seguito del quale si può sviluppare endometrite;
  4. Ecografia transvaginale, che rivela la posizione e la dimensione delle lesioni polipo;
  5. Esame clinico generale (analisi generale e biochimica del sangue, analisi delle urine, elettrocardiogramma, fluorografia, analisi dell'HIV e dell'epatite virale, microreazione per la sifilide).

Solo dopo i risultati di tutti i test di cui sopra, il paziente è autorizzato a sottoporsi ad intervento chirurgico.

Rimozione e tipi di anestesia

La procedura per la rimozione di crescite polipo nell'utero è chiamata polipectomia.

L'operazione viene eseguita in diversi modi, a seconda di:

  • il tipo e la dimensione delle formazioni
  • età e condizioni generali del paziente.

La durata della rimozione dipende dalla complessità dell'operazione e può richiedere da 20 minuti a diverse ore.

La rimozione di un polipo viene eseguita in modo ottimale nei giorni 6-9 del ciclo mestruale.

Nella maggior parte dei casi, la polipectomia viene eseguita in anestesia generale, l'anestesia locale è indicata solo con la rimozione laser e in caso di controindicazioni all'anestesia generale.

isteroscopia

Il vantaggio di questo metodo è che l'intero processo di rimozione avviene sotto osservazione. Per fare questo, utilizzare un dispositivo speciale con una fotocamera, che al momento dell'operazione viene introdotto nella cavità uterina e tiene traccia della posizione del polipo, nonché delle sue dimensioni e forma.

Quindi, utilizzando uno strumento speciale, il polipo viene tagliato o "svitato", l'intero processo viene visualizzato sul monitor.

La durata dell'isteroscopia può richiedere da 15 minuti a 2,5 ore, a seconda della complessità dell'intervento.

raschiatura

Questo metodo di chirurgia è considerato meno efficace, dal momento che la rimozione del polipo avviene "al tatto". In questo caso, le recidive si verificano nel 30% dei casi.

La manipolazione viene eseguita in anestesia generale e solo in caso di controindicazioni si ricorre all'anestesia locale.

Un'operazione consiste dei seguenti processi:

  1. Al paziente viene somministrato un farmaco per espandere le pareti uterine.
  2. Viene eseguita l'anestesia
  3. I dispositivi di espansione sono inseriti nel canale cervicale.
  4. Attraverso il canale cervicale, una carrozza viene inserita nella cavità d'organo, uno strumento speciale che assomiglia a un cucchiaio, e l'endometrio viene raschiato via con leggeri movimenti di pressione. Inizialmente, la manipolazione viene effettuata nell'area del polipo, quindi gradualmente si sposta nella gola interna della cervice, elaborando così l'intera cavità dell'organo.
  5. Il luogo di raschiatura viene trattato con iodio.

Se durante l'operazione vengono rilevati più polipi, vengono inizialmente rimossi, dopodiché viene elaborata l'intera cavità uterina.

Il raschiamento è fatto separatamente. Prima rimuovi il polipo del canale cervicale della cervice, quindi la proliferazione nell'utero.

Dopo l'intervento chirurgico, il paziente viene ripetuto isteroscopia per escludere i tumori residui. Se vengono rilevati, lo scraping viene ripetuto.

Questo metodo richiede una terapia ormonale aggiuntiva per eliminare il rischio di infezione nel periodo postoperatorio.

Polipectomia laser

La polipectomia laser è un metodo innovativo per rimuovere i polipi. Evita la ricorrenza e il trauma dei tessuti endometriali, al contrario della chirurgia.

Prima di tutto, la terapia laser viene mostrata ai giovani e non alle donne in gravidanza per le quali è importante preservare la funzione riproduttiva. La rimozione con un laser non lascia cicatrici e cicatrici sul tessuto endometriale, quindi in futuro non ci saranno problemi con il concepimento in una donna. Tuttavia, questo metodo è mostrato solo in casi lievi quando la gamba è visibile nel polipo.

La procedura viene eseguita in anestesia locale. A seconda delle dimensioni e del tipo di diffusione poliforme, viene utilizzato un laser più forte o più debole.

La rimozione avviene applicando un fascio laser fisso al tessuto patologico, dopo di che l'area viene rapidamente bruciata. La durata della procedura richiede 20-30 minuti.

Prima che il paziente venga rimosso, vengono prese le seguenti misure:

Sotto l'azione di un raggio laser, un'attenta rimozione mirata di un focus patologico avviene senza danneggiare il tessuto sano. Ciò consente di evitare il dolore nel periodo postoperatorio e di accelerare il processo di recupero il più possibile.

resettoscopio

Questo è un altro modo sicuro ed efficace per rimuovere i polipi. L'escissione viene effettuata non solo sul funzionale, ma anche sullo strato basale dell'utero, che minimizza l'aspetto delle recidive.

Dopo la resettoscopia, il recupero è veloce, ma gli antimicrobici saranno ancora necessari.

Come con la rimozione laser, la resettoscopia rimuove con precisione la formazione senza alterare i tessuti sani. Questo metodo non causa uno squilibrio ormonale e non influisce sul ciclo mestruale, quindi è usato per le donne in età riproduttiva.

Prima di tutto, la terapia laser viene mostrata ai giovani e non alle donne in gravidanza per le quali è importante preservare la funzione riproduttiva.

La procedura viene eseguita in anestesia generale. Un dispositivo speciale, un endoscopio, viene inserito nell'utero, al termine del quale viene fissata una telecamera. Inizialmente, viene diagnosticato un organo, quando viene rilevato un polipo, viene immediatamente eliminato usando una corrente ad alta frequenza. In questo caso, tutte le manipolazioni vengono visualizzate sullo schermo del monitor.

Dopo la resettoscopia, le donne possono avvertire dolore fastidioso nell'addome inferiore, che scompare il secondo giorno e poi scompare completamente. Nella maggior parte dei casi, l'ospedale rimane dopo che la procedura non è richiesta.

Quando hai bisogno di un'isterectomia?

L'isterectomia è la completa rimozione dell'utero. Viene effettuato in caso di rilevamento nella formazione di cellule tumorali e in molteplici crescite polifere. È usato raramente per le donne in età riproduttiva.

A differenza dei metodi sopra descritti di rimozione dei polipi, l'isterectomia richiede un lungo recupero sotto la supervisione del personale medico.

Dopo l'intervento, il tessuto dei polipi viene inviato all'istologia. Ulteriori tattiche di trattamento saranno determinate sulla base dei risultati dello studio. Di norma, dopo l'isterectomia, viene prescritta la terapia ormonale.

Per quanto tempo dovrei rimanere in ospedale dopo aver rimosso i polipi?

A seconda del metodo di rimozione dei polipi, ad eccezione dell'isterectomia, non ci vogliono più di 3-4 ore per rimanere in ospedale dopo l'intervento.

Dopo tali metodi di trattamento altamente efficaci come la polipectomia laser e l'isteroscopia, sarà richiesto solo il recupero dall'anestesia.

Durante il mese successivo all'intervento, dovresti seguire questi consigli:

  • Abbandonare qualsiasi sforzo fisico;
  • Prendere le medicine prescritte dal medico;
  • Escludere qualsiasi intervento vaginale (tamponi, candele, ciabatte, intimità intima);
  • Osservare l'igiene intima;
  • Non usare saune, bagni, piscine;
  • Non fare un bagno caldo, si raccomanda di fare il bagno sotto la doccia con acqua tiepida;
  • Non sollevare oggetti più pesanti di 3-4 libbre.

Un mese dopo, la superficie interna dell'utero viene ripristinata e si verifica la rigenerazione dell'endometrio.

Per accelerare il processo, il medico può prescrivere ormoni che contengono estrogeni e progestinici, per esempio Yarina. Quando si rimuove un singolo polipo, di solito non è necessaria una terapia aggiuntiva.

Possibili complicazioni

In rari casi, dopo la rimozione dei polipi, possono verificarsi le seguenti complicanze:

  • Ricorrenza della poliposi;
  • Disagio e tenerezza durante il contatto sessuale;
  • Lungo ritardo delle mestruazioni (più di 3 mesi);
  • Scarica di sangue abbondante;
  • Lesione infettiva dell'endometrio;
  • Perforazione uterina (può verificarsi dopo curettage cieco);
  • Cicatrici e aderenze che rendono difficile concepire o addirittura portare alla sterilità;
  • Lo sviluppo di processi di cancro (questi sono casi estremamente rari, si verificano a causa della rimozione incompleta di escrescenze polifere).

Dopo l'intervento, devi visitare regolarmente un ginecologo. Qualsiasi sintomo di disturbo dovrebbe essere la ragione di una visita non programmata dal medico. In caso di complicazioni, lo specialista prenderà le giuste tattiche di trattamento. L'isteroscopia viene ripetuta spesso, quindi vengono prescritti agenti antibatterici, ormonali e disintossicanti.

Un mese dopo l'intervento, la superficie interna dell'utero viene ripristinata e si verifica la rigenerazione dell'endometrio.

È importante sapere che nei primi 2-3 giorni dopo l'intervento la donna può avere la febbre. Il panico non ne vale la pena, perché è una naturale esacerbazione del processo infiammatorio nelle tube di Falloppio.

Spesso, dopo la rimozione dei polipi, si osserva l'infiammazione microbica, che è anche una risposta naturale del corpo, volta a ripristinare la mucosa.

Un altro video utile sul curettage dell'utero e le possibili complicazioni dopo l'intervento chirurgico:

La rimozione dei polipi è un trattamento radicale che molti pazienti temono. Ma i metodi innovativi di polipectomia non sono altro che una mini operazione rapida e indolore. Tuttavia, per singole formazioni di piccole dimensioni che non causano disagio, si consiglia di scegliere una tattica di attesa e visione. La cosa più importante per una donna è trovare uno specialista a cui possa affidare la sua salute.

Quale dovrebbe essere il trattamento dopo la rimozione del polipo endometriale nell'utero: le raccomandazioni dei medici e il feedback delle donne

Polipi e iperplasia sono i processi più comuni che possono verificarsi sul rivestimento interno della cavità uterina.

Secondo i rapporti, circa il 25% delle donne può soffrire di questa malattia.

La malattia può manifestarsi in donne di età diverse.

Ma il più delle volte viene diagnosticato in pazienti in età premenopausale, così come in quelli in menopausa.

Il polipo uterino può essere singolo o multiplo.

Essenza di patologia

Il polipo endometriale è un tumore tumore benigno, che in alcuni casi può trasformarsi in un tumore maligno.

Cos'altro sono polipi pericolosi, leggi qui.

Molto spesso, la malignità si verifica in presenza di un polipo adenomatoso, tuttavia, il rischio di malignità è presente in ogni caso.

Se consideriamo una neoplasia da un punto di vista microscopico, si tratta di una crescita dalle cellule dello strato basale, in cui le ghiandole si trovano in un ordine caotico, e il tessuto connettivo può essere presente nella struttura del polipo.

L'educazione polifera ha una gamba, con la quale è attaccata al muro dell'utero.

Periodo di recupero

Nella maggior parte dei casi, la procedura per la rimozione del polipo endometriale è ben tollerata dalle donne.

Il recupero dopo l'intervento chirurgico è piuttosto lungo e può richiedere sei mesi o anche un po 'di più.

Durante il periodo di recupero, si raccomanda una donna:

  • assumere farmaci ormonali;
  • venire ad un appuntamento con un ginecologo almeno una volta al mese;
  • seguire tutte le istruzioni del medico.

Entro 1-2 mesi dalla manipolazione, viene imposta una serie di restrizioni alla vita del paziente - astenendosi dall'intimità intima, eccetto la visita ai bagni, alle saune, non è inoltre consigliabile fare il bagno e sollevare pesi.

Sintomi dopo la rimozione

Dopo aver rimosso un polipo da una donna, la scarica è osservata per un po 'di tempo, di norma, dura 15-20 giorni.

Il sanguinamento si verifica a causa del taglio della gamba della neoplasia, nonché a seguito di raschiatura, che vengono prodotti in presenza di polipi multipli.

La durata di tale scarico dipende da:

  1. Tipo di polipo remoto. In caso di rimozione di adenoma o formazione ghiandolare, il sanguinamento non sarà forte e corto. E quando rimuovi un polipo fibroso, il sanguinamento potrebbe essere più lungo, perché ci sono più vasi sanguigni in esso.
  2. La dimensione della neoplasia. Maggiore è l'area di guarigione, maggiore è il volume di scarico.
  3. La profondità della germinazione dello stelo nell'endometrio. Con una posizione profonda delle gambe, il rischio di danni ai vasi della mucosa è più alto.

Inoltre, una donna può essere disturbata da sensazioni dolorose debolmente espresse, che per loro natura assomigliano al dolore durante le mestruazioni.

Una settimana dopo l'intervento, la donna deve necessariamente apparire dal ginecologo per assicurarsi che non ci siano complicazioni. Dopo l'esame di follow-up, al paziente vengono fornite raccomandazioni per ulteriori trattamenti.

Come comportarsi e cosa non si può fare

Affinché il periodo di recupero passi senza complicazioni, durante il primo o anche due mesi, la donna non è raccomandata:

  1. Fare il bagno - tutte le procedure igieniche eseguite solo sotto la doccia. Inoltre, è vietato visitare i bagni e le saune e in altri modi per surriscaldare il corpo, poiché ciò potrebbe contribuire a un aumento del sanguinamento.
  2. Prendi l'acido acetilsalicilico e altri farmaci che fluidificano il sangue e possono anche aumentare la quantità di sangue secreto.
  3. Sollevare pesi e impegnarsi in pesanti lavori fisici o sportivi.
  4. Entra in relazioni intime.

Terapia farmacologica

La terapia ormonale è considerata il metodo più efficace per prevenire l'iperplasia e l'endometriosi, che molto spesso agiscono come fattore scatenante per lo sviluppo di un polipo uterino.

Dopo la rimozione della neoplasia, alla donna vengono somministrati questi farmaci per circa 3 mesi.

La scelta del farmaco è determinata dal medico che prende in considerazione l'età del paziente e i suoi piani futuri per la gravidanza.

Più comunemente prescritto:

  1. Yarina. La droga combinata, che è composta da un gestageno e da un estrogeno. Questo strumento è prescritto alle donne del periodo riproduttivo, che pianificano successivamente la gravidanza.
  2. Duphaston. Questo farmaco viene prescritto ai pazienti per 35 anni. Come parte del mezzo gestagen, poiché un eccesso di estrogeni a questa età può dare un impulso allo sviluppo dei tumori.
  3. Mirena. Questa è una bobina ormonale, è stabilita per i pazienti che non prevedono di avere figli nel prossimo futuro. La composizione di questa spirale include un componente ormonale che ripristina il pozzo endometrio.
  4. DIMIA. La composizione di questo farmaco è identica al progesterone naturale, di solito è prescritta a quelle donne che hanno una maggiore concentrazione di estrogeni.

In alcuni casi, un polipo si forma a causa di un processo di infezione negli organi genitali, in questi casi sono prescritti:

  1. Indometacina. A volte dopo l'operazione si può osservare un aumento della temperatura, il che significa che funzionerà come antipiretico, anti-infiammatorio e anti-edema.
  2. Meloxicam. Farmaco antinfiammatorio e analgesico che allevia possibili dolori nel periodo postoperatorio.
  3. Diclofenac. Agente anestetico e antinfiammatorio, che viene prescritto a quasi tutte le donne che si sottopongono all'intervento per rimuovere il tumore.
  4. Piroxicam. Ha lo stesso effetto di Diclofenac, ma ha meno controindicazioni.

Medicina popolare

Prima di utilizzare qualsiasi metodo, è necessario consultare un medico, perché nel periodo postoperatorio l'uso incontrollato dei metodi tradizionali può portare a vari tipi di complicanze.

Le erbe più comunemente usate sono:

Per mantenere l'immunità, prendi le erbe con un effetto immunostimolante:

  • madre e matrigna;
  • radice di liquirizia;
  • ginseng siberiano;
  • citronella e molti altri.

la siringa

I duplicati giornalieri vengono assegnati per un periodo di un mese, e se durante l'operazione è stato eseguito il curettage, allora si raccomanda di lavarlo per 3 mesi.

nominato da:

  1. Clorexidina. Agente antimicrobico, che viene utilizzato in forma diluita. Il dosaggio è determinato dal medico. Ci possono essere alcuni effetti collaterali - allergie, prurito, eruzioni cutanee.
  2. Camomilla. Oltre all'effetto antibatterico, il decotto di camomilla ha effetti antinfiammatori e lenitivi. In presenza di reazioni allergiche deve essere usato con cautela.

Quando fare un'ecografia?

Dopo la rimozione del polipo nell'utero, la donna dovrebbe venire all'ecografia di controllo per 5-7 giorni del ciclo mestruale.

Ulteriori esami preventivi sono nominati da uno specialista.

Come vanno i periodi?

Dopo l'intervento chirurgico, i periodi possono arrivare in 28-40 giorni.

Dipende da molti fattori: la quantità di intervento, l'età della donna, il tipo di polipo e così via. Più è estesa l'operazione, più è probabile il ritardo.

Raccomandazioni del dottore

Oltre alle limitazioni di cui sopra, i medici dopo la rimozione del polipo raccomandano quanto segue:

  • osservare l'igiene intima;
  • controllo della temperatura giornaliero;
  • scartare i tamponi - usare solo i pad;
  • non inserire candele, compresse vaginali e creme nella vagina;
  • dieta razionale ed equilibrata;
  • prevenire la ritenzione di urina - svuotare la vescica in modo tempestivo;
  • vieni regolarmente ai controlli di routine.

Perché crescere dopo l'intervento

Sfortunatamente, le ricadute della malattia sono possibili.

In alcuni casi, sono associati alla rimozione incompleta dell'istruzione, ma è anche possibile nei seguenti casi:

  • caratteristiche individuali dell'organismo - ereditarietà;
  • complicazioni post-intervento;
  • bassa immunità;
  • squilibrio ormonale;
  • processo infiammatorio cronico;
  • assunzione non autorizzata di contraccettivi orali.

Per ridurre il rischio di una possibile recidiva, sono necessarie le seguenti misure preventive:

  • prendere gli ormoni prescritti da un medico;
  • rafforzando il corpo - prendendo vitamine;
  • terapia antibatterica (se necessario);
  • Esami regolari del ginecologo

Posso rimanere incinta?

È impossibile rimanere incinta subito dopo la rimozione del polipo, perché durante il periodo di recupero la donna prende un trattamento ormonale.

La durata di tale terapia può essere di 3 mesi.

La gravidanza dopo la rimozione del tumore è più possibile rispetto alla sua presenza. Il più delle volte si verifica entro 6 mesi dopo l'abolizione degli agenti ormonali.

Non è consigliabile posticipare il concepimento per un periodo più lungo. Poiché la poliposi è una malattia ricorrente, la sua ricomparsa è possibile e un ostacolo si ripresenterà di nuovo per la gravidanza.

La gravidanza dopo la rimozione del polipo, di regola, scorre normalmente e non è accompagnata da complicazioni.

Se puoi rimanere incinta dei polipi nell'utero, leggi qui.

Possibili complicazioni

L'operazione per rimuovere un polipo può avere le seguenti complicazioni:

  1. Perforazione dell'utero. Sintomi: febbre, debolezza, acuti dolori all'addome inferiore, tachicardia, sanguinamento, abbassamento della pressione sanguigna.
  2. L'infiammazione. Questa complicazione si verifica più spesso quando non si rispettano le regole dell'antisepsi e dell'asepsi.
  3. La formazione di aderenze e cicatrici, che in futuro potrebbero portare a difficoltà con il concepimento. Per evitare questi effetti, si consiglia di eseguire l'operazione con metodi moderni e meno traumatici.
  4. Hematometra. Questa è una raccolta di sangue nella cavità uterina. Sintomi: lieve febbre, nessuna emorragia, dolore al basso addome, scarso scarico marrone, secchezza e pallore della pelle.
  5. Trasformazione in una formazione maligna. Il più delle volte osservato nel caso in cui un polipo adenomatoso non è stato completamente rimosso.
  6. Relapse. Nessuno dei metodi di rimozione dei polipi disponibili oggi garantisce al 100% che l'educazione non riappaia.

Come ho rimosso i polipi endometriali: esperienza personale

Quasi non mangio carne, quindi ho pensato che i bassi livelli di emoglobina potessero essere correlati a questo. Il terapeuta ha assicurato: "Non trovi tutto ciò di cui hai bisogno, marcia verso il ginecologo". Non sono stato a una dottoressa per diversi anni - questo è uno spiacevole affare. Ero solito andare come un orologio - ogni sei mesi, poi ho cambiato il mio luogo di residenza, sono affogato in una nuova vita più felice - e in qualche modo ho smesso di pensarci: niente ti infastidisce davvero - okay. Questo è l'errore numero uno: devi andare, è necessario.

Come trovare un polipo

Una donna non può sospettare che abbia polipi endometriali. Pertanto, un'accurata diagnosi fornisce l'ecografia degli organi pelvici, è fatta al quinto o sesto giorno del ciclo. I polipi possono germinare l'intera cavità uterina e "uscire" dalla vagina, e solo in questa condizione possono essere rilevati con un esame visivo di routine. Polyp è una parola spiacevole, la sensazione che questa sia una specie di nuovo arrivato. "Perché? Cos'è questo? Cosa è lui lo è è lì? "- Sono inorridito di avere 40 anni e non ne so nulla. "Bene, questo lo fa. sta crescendo. Deve essere rimosso Sì, in anestesia generale. No, non è spaventoso ", risponde tranquillamente il dottore.

Cos'è il polipo endometriale

Un polipo endometriale si verifica in quasi tutte le altre donne, e se le donne anziane nei primi anni '40 erano più sensibili a questa malattia, ora i polipi si trovano sia nei giovanissimi che in quelli più anziani.

L'utero è rivestito da una membrana mucosa - l'endometrio, e - proprio ciò che è sbagliato nel corpo - tende a crescere. Un polipo è una formazione benigna di una membrana mucosa dell'utero che si manifesta per vari motivi: disturbi ormonali (diminuzione del progesterone, elevato estrogeno), diabete, obesità, aborti, dispositivo intrauterino, processi infiammatori, varie reazioni allergiche e così via. I polipi possono crescere sullo sfondo di altre malattie del sistema riproduttivo - erosione della cervice, endocervicite. Un polipo è costituito dagli stessi tessuti dell'endometrio e può essere ghiandolare-fibroso, ghiandolare-cistico o misto. Spesso un polipo è raffigurato come una sorta di "fungo sulla gamba", ma non sempre ha una tale forma - la base non può essere sottile, ma ampia. Le dimensioni di un polipo possono essere da molto piccole a gravi, e polipi della dimensione di 1,5-2 cm già causano molti problemi: dolore, sanguinamento e polipi piccoli e isolati potrebbero non infastidire affatto. Fino a quando non crescono.

Cos'è il polipo pericoloso

Più grande è il polipo, più ne soffre il corpo della donna: prolungate mestruazioni molto pesanti, sanguinamento e scarico sotto forma di coaguli di sangue dopo le mestruazioni e nelle donne durante la menopausa. Di conseguenza, una grande perdita di sangue porta ad una diminuzione del livello di emoglobina, che non ha il tempo di recuperare. L'emoglobina bassa è cattiva per molte ragioni, ma il punto generale è l'invecchiamento precoce del corpo. Aumento dell'affaticamento, perdita di capelli, deterioramento dello stato delle unghie (quando le unghie sono rotte ed esfoliate, non è necessario assumere calcio, ma donare sangue all'emoglobina) a una carenza di ferro nel sangue. Ci può essere dolore nel basso addome, specialmente durante le mestruazioni (no, i giorni critici dolorosi non sono normali, non è sufficiente bere erba e assumere che tu sia ereditario e nulla può essere fatto a riguardo).

Ma ultimo ma non meno importante, un polipo colpisce la funzione riproduttiva di una donna. A seconda della posizione, può semplicemente "bloccare" l'ingresso all'utero. Se il polipo è grande, non consente all'uovo fecondato di attaccarsi al muro dell'utero.

Un polipo benigno può degenerare in una neoplasia maligna?

La probabilità di questo è molto piccola, il che è gradito, ma il materiale rimosso viene sempre utilizzato per l'analisi istologica per garantirne la sicurezza. Ma un polipo, raramente rinato, può servire da sfondo per lo sviluppo di altre malattie sia infiammatorie che oncologiche dell'endometrio.

operazione

Un moderno metodo per rimuovere il polipo endometriale è l'isteroresectoscopia, quando un tubo endoscopico viene inserito nella cavità uterina in anestesia generale. Con l'aiuto di un ciclo speciale, tenuto sotto la gamba di un polipo, l'istruzione viene interrotta e il luogo della germinazione viene cauterizzato per prevenire il ripetersi.

L'operazione è considerata quasi senza spargimento di sangue, non dura a lungo, molte ore dopo che il paziente è stato autorizzato a tornare a casa, se non ci sono state complicazioni - sbalzi di pressione, sanguinamento, debolezza e così via. Nel mio caso iniziarono all'una, "Mi sono svegliato" alle tre e mezza, ci sono volute ancora un'ora e mezza per una flebo di antibiotici, anestesia (mi faceva male la parte inferiore dello stomaco, mi è stata fatta un'iniezione e niente più mi ha disturbato - né questo né il giorno successivo ). Alle cinque di sera, con i miei piedi e con il normale benessere, sono tornato a casa.

Il giorno dopo

Il sanguinamento normale non dovrebbe essere - solo una piccola scarica marrone. In ogni caso, è richiesta una visita medica. Ho avuto una piccola temperatura - non più di 37,3 gradi, questo è normale. Dopo l'operazione, ho avuto 5 giorni per bere antibiotici, un farmaco antimicotico e. biokefir per ripristinare la microflora. I giorni critici sono passati "con il botto": indolori e di breve durata (5 giorni contro i precedenti 7-8). Il livello di emoglobina è aumentato, ma, vero, con l'assunzione di ferro. Vediamo cosa succede dopo.

Mese dopo la cancellazione

Gli ultrasuoni sono fatti al quinto o sesto giorno del ciclo, tutto va bene, "l'endometrio è sottile, tutto è pulito. Nessuna traccia Ma il dottore era contento non solo di questo: "Se vuoi essere in congedo di maternità - lavoraci su, è del tutto possibile". Non voglio, ma sapere che questo è possibile - fantastico.

prevenzione

La cosa principale è visitare il ginecologo e controllare gli ultrasuoni ogni sei mesi. Per prevenire la comparsa di polipi endometriali, è necessario controllare l'indice di massa corporea, per prevenire malattie infiammatorie, autoimmuni e reazioni allergiche. Per coloro che non stanno pianificando una gravidanza, è possibile installare un dispositivo intrauterino speciale con il farmaco. Protegge dal concepimento indesiderato e guarisce. La spirale è impostata per cinque anni ed è costosa - circa 16.000 rubli. La convenienza è determinata dal medico: io, ad esempio, non mi è stato consigliato, perché l'utero è deformato e c'è un'alta probabilità che questa cosa costosa non si attacchi lì.

Leggi anche su come curare in modo indolore ed efficace le vene varicose.

Ringraziamo per l'aiuto nella preparazione della pubblicazione del Candidato delle scienze mediche, ostetrico-ginecologo del Centro medico Atlas Olga Terekhinu.